Sushi Plays Wall

Sushi Plays Wall
Concerto

Genere: Concerto

Regia: Sushi Cornucopia

Con: Mauro “Ghila” Ghilardini – Voce E Chitarra, Giorgio Sala – Voce E Chitarra, Alberto Bigoni – Bassi E Contrabbassi, Alberto “Rastrello” Gritti – Batterie, Luca Balduzzi – Tastiere E Voce, Francesco Maffeis – Tastiere E Voce, Jurij Roncan – Percussioni

Durata: 110

Lingua: English

Trama: La cover band Sushi Cornucopia omaggia l’opera “The Wall” dei Pink Floyd in occasione del quarantesimo anno di pubblicazione della stessa. L'Evento: "I 40 anni sono quell’età in cui ci si sente finalmente giovani. Ma è troppo tardi." Parola di Pablo Picasso. Ma se il genetliaco in questione è quello di un’opera rock come “The Wall” dei Pink Floyd, dato appunto alle stampe nel 1979, le quaranta candeline impongono un’ulteriore e più approfondita riflessione, parlando di bilanci e di segni del tempo: cosa resta oggi di quello che Waters e soci cantavano alla fine degli anni settanta? Parecchio, decisamente. Il non detto, l’incomprensione, la solitudine imposta dai tempi digitali che divorano le relazioni, che creano muri. Altro? Su tutto l’amara constatazione che di band come quella britannica se ne sono viste poche negli ultimi decenni; si contano sulle dita di una mano i gruppi in grado di dare alle stampe perle discografiche come il doppio album in oggetto, pochi, pochissimi casi. Ed è per questo che dei (guarda caso) quarantenni bergamaschi con la passione musicale coltivata sin dall’adolescenza hanno pensato di celebrare a loro modo il compleanno 1979-2019 della pietra miliare “The Wall”: suonandolo!

Critica Da diversi anni i “Sushi” propongono cover musicali dei Pink Floyd nei propri live set primariamente svolti in provincia di Bergamo; da tempo i brani di “The Wall” sono una colonna portante del loro show: “In the Flesh”, “Another Brick in the Wall”, “Mother”, “Comfortably Numb” sono divenute presenze fisse nella scaletta. Mai, però, si sono cimentati con la riproposizione di un album intero. L’occasione fa l’uomo ladro, la quarantesima candelina dell’opera li ha convinti ad azzardare l’impresa: preparare una produzione “alla Sushi Cornucopia” in grado di portare dal vivo “The Wall” nella sua sostanziale interezza, riarrangiando le parti orchestrali, adattando ove necessario le partiture più complesse. Un’idea partorita nel novembre 2018, ma già verso la fine del 2015 i (non più) giovani avevano valutato l’ipotesi di proporre dal vivo un altro disco memorabile dei Pink Floyd, “Animals”, proprio in vista del quarantesimo anno di pubblicazione celebrato nel 2017: la cosa non ebbe seguito per i rispettivi impegni dei musicisti che però non escludono possano riprovarci in futuro.

Seleziona un orario
Acquista

Attenzione: La programmazione potrebbe subire variazioni, si prega di telefonare per conferma, ci scusiamo anticipatamente con la clientela.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.